bianco e bluIspica

Prima di arrivare a Noto, confinante con la provincia di Siracusa, c’è Ispica anch’essa interamente distrutta dal terremoto e ricostruita nelle immediate vicinanze. Nella piazza di Santa Maria Maggiore c’è un grande loggiato con ventitrè arcate che serviva alle fiere ed alla protezione dei pellegrini. Bellissima la Chiesa ornata di stucchi e gli affreschi di Olivio Sozzi. Interessante è anche la chiesa dell’Annunziata nella omonima piazza. Da visitare anche l’archeologico Parco Forza immerso nella vegetazione mediterranea e ricco di necropoli sicule, bizantine e cristiane. Anche Ispica è Patrimonio UNESCO.
Testi e Immagini sono di proprietà di biancoeblu.com, è severamente vietata la copia e la riproduzione in qualsiasi forma.

Di grande interesse culturale che decisamente merita una visita è il "Parco Forza", più comunemente chiamato "Cava D'ispica". All'interno del Parco sono visibili necropoli preistoriche, catacombe cristiane, oratori rupestri, eremi monastici e nuclei abitativi di tipologia varia che si sono succeduti ininterrottamente dalla Preistoria (Antica età del Bronzo) fino almeno al XIV secolo.